Comprare Bitcoin con Revolut
Comprare Bitcoin con Revolut

Comprare Bitcoin e Altcoin in maniera sicura e semplice? Oggi è possibile grazie a Revolut! Ecco come fare per Comprare Bitcoin con Revolut in totale sicurezza.

In questo articolo vedremo come comprare Bitcoin ed altre criptovalute con Revolut (sito ufficiale), la carta prepagata tanto apprezzata dagli utenti italiani, inglesi e spagnoli.

Perché comprare criptovalute?

E’ un momento particolarmente positivo per le criptovalute. La particolare situazione economica generata dal diffondersi del coronavirus a livello mondiale, infatti, sta preparando un terreno ideale per una crescita in termini di capitalizzazione e di immagine delle monete virtuali.

Copy Trading eToro

Naturalmente gli occhi di tutti sono rivolti ancora una volta al Bitcoin, che sta dando vita ad un nuovo rally.

Le previsioni dei Bitcoin sono positive, e secondo gli esperti le prossime settimane e mesi potrebbero essere positivi, tanto che sempre più persone stanno investendo e facendo trading con piattaforme sicure come eToro (sito ufficiale) e XTB (sito ufficiale) che permettono di investire senza commissioni.

Le previsioni BTC sono positive anche per il previsto halving, ovvero al dimezzamento delle ricompense spettanti ai miners di BTC. Se, ad oggi, chi partecipa all’attività di calcolo necessaria per aggiungere blocchi al sistema è premiato da 12,5 token per ognuno di quelli aggiunti, con l’halving vedrà dimezzarsi a 6,25 il proprio appannaggio.

Previsto per il prossimo 12 maggio, l’evento comporterà tra le altre cose un crollo dell’indice inflattivo di BTC, che passerà da 3.65 a 1,8. Un dato che da molti viene paragonato al previsto aumento dell’inflazione comportato dall’alluvione di soldi che la Fed sta riversando sull’economia statunitense.

La conseguenza di tutto ciò è appunto una crescita della quotazione di Bitcoin a livelli che riportano alla mente alcune celebri previsioni formulate in anni passati. In particolare a quella di Anthony Pompliano, secondo il quale al termine dell’anno l’icona degli asset digitali avrà sfondato il muro dei 100mila dollari.

Alla luce di tutto questo, è normale vedere un crescente interesse verso le criptovalute.

Adozione di massa delle criptovalute?

Comprare criptovalute sta crescendo in interesse perché le monete virtuali sono sempre più popolari. Sono sempre di più coloro che le utilizzano anche nella vita reale, ad esempio per effettuare transazioni online. Oppure che cambiano il loro stipendio o la pensione in BTC e Altcoin per rimediare all’inflazione troppo alta, come succede in Argentina e Venezuela.

Si prevede che proprio grazie all’imperversare del Covid-19 e ai timori scatenati dalle voci relative alla possibilità di contagio derivante dal maneggio di banconote, saranno sempre di più le persone le quali opteranno infine per le divise virtuali.

Una tendenza che sembra essere stata intuita anche dal mondo produttivo. Basti pensare in tal senso al produttore di dispositivi per la mobilità HTC, che ha annunciato il lancio di Exodus, primo smartphone che sarà in grado di supportare il mining di Monero.

Come comprare criptovalute?

Di fronte ad una situazione di questo genere, non stupisce che stiano aumentando in maniera esponenziale coloro che intendono acquistare criptovalute.

Va detto, però, che attorno al tema manca spesso consapevolezza su ciò che può comportare il possesso diretto di questo genere di asset e sulle operazioni che vanno intraprese.

Cerchiamo quindi di fare chiarezza su entrambi gli aspetti.

I Bitcoin e le criptovalute in generale possono essere acquistate in due modi:

  1. rivolgendosi ad un exchange di criptovalute come Coinbase (sito ufficiale), ovvero una delle piattaforme online che permettono la conversione di valuta fiat in denaro digitale;
  2. utilizzando una carta prepagata come Revolut appunto (vai al sito ufficiale) che permette a chi la utilizza di approfittare di un commercio che attira sempre più investitori.

Si tratta di due modalità di acquisto ben diverse. Se si acquista tramite un exchange, si può infatti conservare i token su un wallet, ovvero un portafogli elettronico, detenuto direttamente, su un dispositivo di proprio possesso, si tratti di smartphone o personale computer. Su Revolut ciò non accade.

Revolut permette di acquistare monete virtuali?

Revolut (vedi il sito ufficiale) è una carta prepagata con codice IBAN che è riuscita a farsi notare per una serie di buone caratteristiche le quali hanno avuto ottima accoglienza da parte di una utenza affamata di strumenti finanziari in grado di rivelarsi effettivamente utili nella vita quotidiana.

Proposta inizialmente nel Regno Unito, il suo raggio di azione si è successivamente allargato al resto del continente europeo, con ottimi riscontri. Basti pensare che sono ormai più 7 milioni i consumatori che hanno deciso di aderire alla proposta. Un numero che comprende un ragguardevole numero di nostri connazionali, che non hanno esitato a sottoscriverla.

A premiare la carta Revolut sono stati soprattutto coloro che gradiscono l’innovazione dei prodotti finanziari e la semplicità d’utilizzo. Doti che la carta ha deciso di adottare sin dall’inizio, nella convinzione che in un mondo sempre più tecnologico, l’utilizzo delle nuove tecnologie è in grado di fare la differenza.

Considerata l’impostazione di partenza, non poteva mancare l’attenzione alle criptovalute, anche in considerazione del fatto che nel futuro saranno sempre più utilizzate, soprattutto dall’utenza più dinamica.

Come comprare criptovalute con Revolut?

Come è possibile acquistare Bitcoin ed altre criptovalute usando Revolut?

E’ consentito attivare questa opzione soltanto a coloro he hanno provveduto ad attivare il conto Premium.

Cui possono aggiungersi anche i sottoscrittori di quello Standard, a patto che riescano a fare da tramite per l’iscrizione al conto di almeno tre conoscenti.

Con Revolut (sito ufficiale qui) al momento si possono comprare Bitcoin, Ripple, Ethereum, Bitcoin Cash e Litecoin, cui comunque, al più presto potrebbero aggiungersene altre. Una scelta del tutto logica, in quanto si tratta delle migliori criptovalute, quelle più utilizzate anche nelle operazioni di tutti i giorni.

Una volta stabilite le condizioni di accesso e precisate le criptovalute che possono essere trattate, va aggiunto che il trading in questione viene portato avanti con l’ausilio di Bitstamp (qui il sito ufficiale), uno dei cambiavalute più noti operanti attualmente sul web.

L’acquisto di BTC o Altcoin avviene senza commissioni. L’unico costo, oltre a quello fissato dal mercato per entrarne in possesso, consiste in un mark up dell’1,5%. Si tratta in pratica di una sorta di precauzione di Revolut, tesa a far fronte alle naturali e pronunciate fluttuazioni delle quotazioni che caratterizza il settore di giorno in giorno.

Va poi precisato che, una volta acquistate, le monete digitali possono anche essere inviate ad altri detentori della carta Revolut. Proprio per quanto riguarda l’invio, c’è però una limitazione: non può essere effettuato su un wallet esterno, magari quello installato sul proprio smartphone o sul personal computer. L’unico portafogli elettronico consentito è quello concesso da Bitstamp (sito ufficiale).

Proprio questa limitazione pone però un problema di non poco conto. Va infatti sottolineato come nel corso del tempo siano stati molti gli exchange costretti a chiudere a causa di attacchi hacking portati avanti con il preciso fine di sottrarre moneta digitale.

Nel farlo i pirati informatici utilizzano i bug spesso presenti nel sistema, come è accaduto anche di recente. Va comunque sottolineato come non si abbiano notizie, almeno al momento, di attacchi di questo genere contro Bitstamp, segno che l’exchange può vantare misure di sicurezza all’altezza della situazione.

Guida passo dopo passo

Come abbiamo visto, quindi, per poter acquistare le monete virtuali occorre sbloccare la funzione “Criptovalute”, accessibile soltanto agli utenti Premium o a chi sia riuscito a fare opera di proselitismo verso i propri contatti.

A questo punto occorre fare clic sulla sezione dedicata dell’app e attendere che la propria richiesta sia presa in carico dall’azienda. Solitamente passano un paio di settimane prima che il procedimento vada a buon fine. Una volta sbloccata la funzionalità rimarrà solo un ultimo step prima di essere operativi, ovvero la lettura e l’accettazione delle avvertenze sui rischi e della sezione sui termini e condizioni, prima di poter iniziare il proprio commercio di criptovalute.

0Una volta che sia stata attivata la funzionalità, si può utilizzare qualunque valuta fiat supportata da Revolut (sito ufficiale) per acquistare e rivendere moneta digitale. Per farlo basta recarsi nella sezione Cambio dell’app Revolut.

0Per aggiungere un conto in criptovaluta, basta invece accedere alla sezione “Conti”, opzionare “Aggiungi conto” e selezionare i conti in denaro virtuale per cui si desidera ottenere gli aggiornamenti.

Per quanto concerne la conversione delle criptovalute in valuta fiat essa avviene istantaneamente e, nel caso la piattaforma non riesca nell’operazione, il quantitativo di denaro effettivamente interessato viene subito riaccreditato sul conto. Si tratta comunque di un caso raro.

Apri la tua Revolut direttamente dal sito ufficiale >>

Iscrizione ad eToro