BitcoinRegs Logo
Investire in Bitcoin 2018 Migliori criptovalute 2018 INVESTI ORA

Migliori exchange sicuri per comprare e fare trading con i Bitcoin: aggiornamento 2018

Pagina di approfondimento che elenca i migliori siti di exchange più sicuri, aggiornati al 2018, per comprare e vendere Bitcoin in tutta sicurezza.

Scegliere i migliori siti dove comprare Bitcoin non è una cosa semplice anche perché ci sono davvero tante alternative. In questo articolo vogliamo offrire una carrellata dei migliori exchange aggiornati al 2018.

Cosa sono gli exchange

Gli exchange sono piattaforme che mettono in contatto domanda e offerta di criptovalute, nel nostro caso di Bitcoin. Si tratta insomma di siti in cui è possibile scambiare BTC con valute a corso legale e viceversa. È un servizio utilizzato da tutti coloro che sono interessati ad investire in valute digitali perché possono acquistarle pagando, ad esempio, in euro o dollari, ma anche da chi, al contrario, ha un certo quantitativo di token e vuole il corrispettivo in valuta FIAT così da poterlo spendere più facilmente.

Le criptovalute stanno sempre più prendendo piede, e questa larga diffusione ha fatto sì che gli exchange abbassassero i costi di gestione. Come vedremo tra poco, si può iniziare una compravendita con un deposito medio di 100$, e le commissioni applicate ammontano spesso a pochi spiccioli, senza contare i vari bonus e programmi di affiliazione.

Rendimento immediato 10%

Investi 100$
Ottieni 10$ gratis
Conto sicuro SSL
Apri conto sicuro SSL con CoinBase »

Occorre però prestare attenzione nella scelta della piattaforma. Nel caos di Internet, la sterminata offerta di siti potrebbe trarre in inganno e dirottare i meno esperti su exchange truffa. Non sono rari purtroppo i casi di scam nel mondo delle cryptocurrency, quindi suggeriamo sempre di affidarsi a exchange di vecchia data e conosciuti.

Abbiamo selezionato i cinque migliori exchange più sicuri e affidabili, dove è possibile operare con la garanzia di una vulnerabilità del sistema che rasenta lo zero. Nelle piattaforme che analizzeremo i capitali sono conservati offline, così da essere al riparo da tentativi di hacking.

Come comprare Bitcoin con gli exchange

Prima delle brevi recensioni sui migliori exchange bitcoin, può essere utile fare una breve carrellata sulle opzioni messe a disposizione degli utenti.

Come accennato, lo scopo base degli exchange è quello di consentire l’acquisto e la vendita di BTC. Oltre però alla compravendita dei token, queste piattaforme presentano importanti strumenti che è bene imparare a conoscere se si intende fare trading con i bitcoin.

Primo su tutti il limit order. In poche parole, si imposta un prezzo limite al momento dell’ordine, e il costo eseguito non sarà superiore, in fase di acquisto, al limite da noi dato, né inferiore in fase di vendita. Un modo semplice ma efficace per tenere sotto controllo il proprio denaro e non rischiare di svendere le proprie monete né comprare a prezzi esorbitanti.

Altra importante funzionalità è quella dello stop loss, che su alcuni exchange è chiamato anche stop orders. È un ordine automatico di acquisto o vendita dei BTC quando questi raggiungono una determinata soglia (detta Stop Price). Il vantaggio più esplicito è quello di non dovere monitorare costantemente l’andamento dell’asset, oltre a quello di limitare perdite eccessive. Attenzione però ad impostare il limite: chiudere una posizione troppo presto rischia di limitare potenziali guadagni. Sarebbe preferibile, se non si è ancora trader esperti, “imitare” le strategie degli utenti più avvezzi all’uso di questo strumento.

Infine, la leva finanziaria, adatta ad investitori con alto profilo di rischio. La leva consente di aumentare il ROI (ritorno di investimento o return of investment) in maniera esponenziale. Andrebbe infatti usata in combinazione con lo stop loss perché è vero che, in caso di strategia vincente, i guadagni possono essere anche quintuplicati, ma è anche vero che in caso contrario si possono perdere somme ingenti.

Lista dei Migliori Exchange Criptovalute 2018

Coinbase

Coinbase è probabilmente la piattaforma più famosa ed utilizzata, soprattutto grazie alla grafica semplice ed intuitiva che consente anche ai novizi di potere scambiare bitcoin facilmente. Questo exchange opera dal 2012 e attualmente è presente in oltre 30 Paesi, ma è in costante espansione.

Rendimento immediato 10%

Investi 100$
Ottieni 10$ gratis
Conto sicuro SSL
Apri conto sicuro SSL con CoinBase »

Oltre alla compravendita e al trading con i bitcoin, Coinbase offre anche il suo digital wallet, il portafoglio elettronico indispensabile per ogni tipo di transazione.

> Recensione CoinBase

Coinbase garantisce operazioni praticamente in tempo reale, eccetto quelle che servono per spostare il denaro sul proprio conto corrente; non si superano mai i tre giorni, e si tratta comunque di tempistiche legate alle banche più che all’exchange.

Uno dei punti di forza di Coinbase è la sicurezza. La password scelta dagli utenti può superare i 100 caratteri, a fronte dei 20 messi a disposizione dalle altre piattaforme. Il sito è inoltre abilitato al 2FA, l’Autenticazione a 2 Fattori tramite cui si possono controllare accessi e operazioni relativamente agli orari, all’IP e al device utilizzato. Infine, l’exchange offre un’assicurazione del 100% sulle valute. Fino ad oggi non ci sono mai stati furti su Coinbase, ma in caso di illecito da parte di un dipendente o violazione della sicurezza da parte di un hacker la piattaforma rimborsa il totale del capitale perso.

Parlando di commissioni, queste potrebbero costituire un tasto dolente. Non sono le più basse che si possono trovare in rete, ma data la sicurezza del sito riteniamo valga la pena pagare qualcosa in più. Per le compravendite standard viene applicato l’1,49%, mentre se si utilizza una carta di credito o debito si arriva al 3,99%. Il trasferimento bancario, sia in che out, costa 0,15€.

Apri un conto con CoinBase (10$ gratis) »

The Rock Trading

Più o meno coetaneo di Coinbase è The Rock Trading, made in Italy e dunque perfetto per chi non ha molta dimestichezza con la lingua inglese.

I propri risparmi possono essere depositati tramite il digital wallet o anche tramite bonifico bancario SEPA; in questo caso saranno necessari i soliti due o tre giorni per l’effettivo accredito.

Il sistema di The Rock Trading premia gli utenti più attivi: maggiori saranno le transazioni, minori saranno le commissioni. È quindi difficile rispondere alla domanda “a quanto ammontano le commissioni?”. Diciamo che, in media, sono dello 0,5%, ma in caso di alti volumi di scambio possono ridursi anche allo 0,02%.

Tramite il forum associato ci si possono scambiare dritte e consigli con gli altri user, una vera e propria rete di “solidarietà” che facilita di non poco l’utilizzo dell’exchange.

Per spostare sul proprio conto corrente il corrispettivo in euro o dollari dei token, è necessario verificarsi, lasciando quindi i propri dati personali. Se non si è disposti all’autenticazione, non si potrà prelevare la valuta FIAT. Attenzione, questo non è un limite ma un importante segno della serietà della piattaforma. Gli utenti non verificati non potranno quindi trasferire i fondi sul proprio conto ma potranno convertire i bitcoin in altre altcoin.

Apri un conto con TheRockTrading »

Cryptopia

Se possiedi un certo quantitativo di bitcoin e sei interessato a scambiarlo con le criptovalute più nuove, Cryptopia è la soluzione che fa per te. La società neozelandese offre al momento oltre 450 valute digitali da acquistare in cambio di BTC, così da poter puntare sui nuovi token emergenti e diversificare il proprio portafoglio

Le commissioni sono pari allo 0,2% del volume di ogni operazione. Il contro di Cryptopia è che si possono negoziare solo dollari USA Tether (USDT) e dollari neozelandesi Tether (NZDT).

Molto interessante è la presenza di uno shop sulla piattaforma. Si possono vendere e acquistare beni e oggetti pagando in bitcoin, e in un certo senso è un servizio rivoluzionario: spesso le criptovalute sono considerate più come oggetto astratto per fare trading, mentre in questo modo si avvicinano alla concretezza delle valute FIAT.

Una nota caratteristica di Cryptopia è proprio la sua estraneità alla speculazione. Nonostante sia possibile fare trading, non è disponibile la leva finanziaria. Ciò non è affatto un male, e rende l’exchange perfetto per chi non vuole correre troppi rischi e punta su un utilizzo più sicuro delle monete virtuali.

La grafica potrebbe non risultare user friendly, ma entra qui in gioco un’altra peculiarità di Cryptopia, ossia il fatto di essere social. Il forum è molto attivo, e per ottenere il meglio, bonus inclusi, dall’exchange è indispensabile prendere confidenza con la community.

Apri un conto con Cryptopia »

Bittrex

Bittrex è tra gli exchange più usati per comprare e vendere Bitcoin, ma supporta una grande quantità di Altcoin (circa 190).

La piattaforma segue la regolamentazione degli Stati Uniti; ciò garantisce servizi in linea con la regolamentazione giuridica, che nel caso delle crypto è in continua evoluzione. Bittrex è un punto di riferimento per tutti coloro che richiedono da un exchange transazioni veloci, best practice di sicurezza ed e-wallet stabili.

Le commissioni per le operazioni di acquisto o vendita di bitcoin sono pari allo 0,25%, mentre non sono previsti addebiti né per i prelievi né per i depositi. Ciò non significa che non si pagherà nulla per prelevare o depositare i token, perché Bitcoin ha dei costi “fisiologici” per queste transazioni, incorporati proprio nella moneta. Ciò che è gratuito è appunto il servizio dell’exchange, che non può ovviamente interferire con le politiche della valuta. Il costo è comunque trasparente e visibile semplicemente cliccando sulle finestre di prelievo e deposito.

Contrariamente ad altri exchange, Bittrex ha dei limiti sui prelievi. Per utenti che hanno verificato nome e indirizzo e-mail il limite è di 3 BTC al giorno, mentre con l’autenticazione a mezzo carta d’identità si possono prelevare fino a 100 BTC quotidiani.

Apri un conto con Bittrex »

Kraken

Kraken è considerato uno dei migliori exchange per i Bitcoin, tanto che è stato il primo ad avere costi e volumi di trading visibili su Bloomberg.

La sicurezza è il fiore all’occhiello di Kraken: il sito utilizza il cold storage crittografato per proteggere i capitali degli investitori, l’autenticazione a due fattori e il proof of reserves audit system crittograficamente verificabile. La piattaforma ha infatti fatto della liquidità uno dei suoi punti di forza; Kraken è infatti fiduciario nominato dal tribunale del governo di Tokyo e dalla banca tedesca Fidor.

Le transazioni con i Bitcoin possono avvalersi di euro, dollari USA, dollari canadesi e yen, ma le commissioni sono variabili in base al commercio, come percentuale del volume della valuta. Mediamente si va comunque dallo 0.16% sino a commissioni gratuite. Per quanto riguarda il prelievo e il deposito, i prezzi dipendono essenzialmente dalla valuta a corso legale che si utilizza e dalla propria residenza. In altre parole, ci sono differenze di costo anche consistenti tra chi vive negli USA e chi, ad esempio, in Europa. Per fare un esempio, il prelievo da bonifico costa 5$ negli Stati Uniti e ben 60€ al di fuori. Conviene infatti effettuare prelievi SEPA in euro, le cui commissioni sono di soli 0,09€.

Anche in questo caso occorre verificarsi. Esistono due livelli di verifica. Per il primo occorrono il nome completo, la data di nascita, l’indirizzo e il numero di telefono: con questi dati è possibile aprire un conto base e iniziare a fare trading. Se invece si richiedono funzionalità extra sono necessari il documento di identità e una prova della residenza dichiarata. Attenzione: questa verifica avanza è obbligatoria per gli utenti europei e per chiunque faccia transazioni in grandi volumi.

Kraken non è solo un exchange, ma come accennato consente di fare trading con una leva fino a 5x, con vendite anche allo scoperto. Altri interessanti strumenti sono lo stop loss, di cui abbiamo parlato all’inizio, e il trading automatico.

La piattaforma è scaricabile come app su dispositivi iOS e Android, mentre da pc è web based e non occorre quindi installare nulla.

Apri un conto con Kraken »

Come scegliere l’exchange giusto per te

Quelli che abbiamo analizzato sono solo una piccola parte dell’offerta di exchange presenti sul web. Se si è interessati a provarne altri, facciamo qualche raccomandazione sui criteri da applicare per valutare i servizi.

Elemento che interessa la maggior parte dei clienti è quello relativo alle commissioni. Va bene scegliere exchange con commissioni basse, ma sottolineiamo che al di là dei meri numeri è importante che questi prezzi siano commisurati alla sicurezza e ai servizi proposti dal sito. Insomma, a volte può essere più conveniente lasciare qualche euro alla piattaforma ma poter contare su un sistema affidabile in grado di tutelare i nostri risparmi dalle frodi e dai tentativi di furto.

Proprio la sicurezza è la seconda condizione su cui è bene investire qualche minuto di tempo. Autenticazione a due fattori, disponibilità di password lunghe e cold storage sono certamente le tre componenti che distinguono un exchange serio da uno che rischia di essere compromesso.

Un consiglio sempre valido quando si tratta di investimenti è quello di leggere le opinioni e le esperienze degli utenti. I feedback danno la dimensione di quanto l’exchange sia apprezzato, di facile utilizzo o meno, se è soggetto a rallentamenti e, da non sottovalutare, quanto l’assistenza clienti sia efficiente. Infine, dai volumi di scambio si potrà facilmente notare se la piattaforma è solida e seria oppure se siamo di fronte ad un pericolo di truffa.

Ultimo aggiornamento:

Autore: Gino Topini. Grande appassionato di criptovalute, ho partecipato come relatore al China Forex Expo 2017 e sono stato protagonista di un podcast sul sito canadese Desire To Trade. LinkedIn
Bitcoin Bitcoin
Prezzo Bitcoin in tempo reale
ICO: Initial Coin Offering
Come guadagnare Bitcoin
I Bitcoin nella vita quotidiana